B&B Roma

Eventi Roma

A Roma una mostra per Matisse
30 Marzo 2015

A Roma una mostra per Matisse

A cura di Annalisa G+

Le Scuderie del Quirinale propongono una esposizione di Matisse: “Arabesque” , dal 5 marzo al 21 giugno 2015 per testimoniare i dettagli più preziosi della sua collezione.

La curatrice della mostra Ester Coen ha scelto 100 pezzi di bellezza straordinaria, che arrivano in Italia, per la prima volta, da importanti musei del mondo come il MoMa, l’ Ermitage e il Pompidou. Lo scopo della mostra è quello di ricreare l’atmosfera orientale presente in moltissime opere di Matisse. Colori, spazi ampi, prospettive arabeschi e particolari dettagli propongono un nuovo modo di fare arte.

L’Oriente è sempre vivo nelle opere di Matisse grazie alla sua formazione all'École des Beaux Arts con gli Orientalisti, inizia ad amare queste influenze che fa ancora più sue, dopo i molteplici viaggi in Algeria, i colori dei tappeti e delle ceramiche diventano i protagonisti assoluti delle sue tele.

La Mostra introduce anche alla natura morta, con il suo crescere cromatico tra i toni del verde e dell’azzurro ispirazione, questa, che proviene dalle ceramiche ottomane e rende unici opere come i Gigli, Iris e Mimose. Il percorso continua verso il primitivismo e l’amore per le maschere e i tessuti, che rendono protagonisti i segni, la geometria ed i colori come nell’opera Ritratto di Yvonne Landsberg.

La “Ragazza con copricapo persiano”, “Zorah sulla terrazza”, il “Marocchino in verde” sono stati selezionati per raccontare l’estro di Matisse e la sua abilità nell’inventare uno spazio di pittura capace di ricordare mondi fiabeschi che riprendono gli elementi fondamentali delle decorazioni del nord Africa e del Medio Oriente.

Le Scuderie del Quirinale organizzano, come di consueto, degli incontri per approfondire gli aspetti fondamentali della mostra di Matisse, grazie agli interventi di alcuni esperti del settore che daranno una lettura diversa delle opere sottolineandone tutti gli aspetti, da quello artistico a quello tecnico fino a sviluppare l’aspetto personale che influenza solitamente tutte le opere.

Privacy Policy Cookie Policy