B&B Roma

Conoscere Roma

Ludus Magnus: la palestra dei gladiatori romani
01 Ottobre 2015

Ludus Magnus: la palestra dei gladiatori romani

I Gladiatori rappresentano, da sempre, gli atleti che hanno reso grande Roma, e ancora oggi è possibile riscoprire i luoghi che li hanno accolti e li hanno eletti una delle figure storiche di riferimento. Oggi è possibile visitare, nei pressi del Colosseo la loro palestra, che sembrava quasi una caserma chiamata Ludus Magnus.

La Storia
La palestra dei gladiatori venne fatta costruire dall’Imperatore Domiziano, per ospitare gli atleti durante gli allenamenti,  insieme ad altre quattro caserme andate distrutte con il famoso incendio che colpì Roma durante l’impero neroniano. Quello che vediamo oggi sono i resti di una seconda ristrutturazione del Ludus Magnus avvenuta per ordine dell’Imperatore Traiano e portata alla luce sono nel 1937.

La Struttura
La struttura, in origine, era di forma rettangolare, circondata da un porticato con delle colonne che portavano all’interno di 14 celle di venti metri quadrati destinate ad accogliere due gladiatori. Al centro di questa struttura fu costruito un piccolo anfiteatro che occupava l’interno del cortile esterno, mentre delle strade sotterranee conducevano direttamente al Colosseo.

E’ stata ristrutturata uno sola delle quattro fontane triangolari che, inizialmente erano poste su tutti i lati della struttura, mentre il porticato fatto di colonne di travertino era decorato da moltissime statue di antichi Dei, che avevano lo scopo di proteggerli.

I Ludus Originari
Domiziano decise di costruire quattro caserme: oltre al Ludus Magnus l’antica Roma aveva il Ludus Dacicus: pensato per ospitare i prigionieri reduci dalle battaglie in Dacia, Ludus Gallicus per i gladiatori provenienti dalla Gallia ed infine il Ludus Matutinus che ospitavano esclusivamente i gladiatori che erano soliti combattere con gli animali.

Dove si trova
Il Ludus Magnus si trova a pochi passi dell’Anfiteatro Flavio, ma inizialmente la struttura era molto vasta, occupava gran parte del Rione Monti, tra Colle Oppio e l’Esquilino.
L’entrata di questo bellissimo esempio di storia Romana si trova in via Labicana ed è necessaria la prenotazione per visitarla.

Privacy Policy Cookie Policy